News

David Lamelas | Far, America

David Lamelas | Far, America

David Lamelas è rappresentato nella collezione del CGAC dall'opera del 2008 intitolata "Buenos Aires no existe" (acquisita dal museo nel 2010) e ha partecipato alle principali mostre dedicate alla neoavanguardia concettuale (Information, The Museum of Modern Art, New York, 1970; documenta 5, 1972, e Reconsidering the Object of Art, the Museum of Contemporary Art, Los Angeles, 1995). Il suo lavoro è stato presentato in mostre personali al Kunstverein di Monaco (1997), al Museo Tamayo di Città del Messico (2004) e, più recentemente, nelle retrospettive tenute all'University Art Museum di Long Beach (California) nel 2017 e al Museo de Arte Latinoamericano de Buenos Aires (Buenos Aires) nel 2018. Le sue opere fanno parte di prestigiose collezioni d'arte, sia pubbliche che private (The Museum of Modern Art di New York, il Museum of Contemporary Art di Los Angeles, il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid, il Museu d'Art Contemporani de Barcelona di Barcellona, la Fundação de Serralves di Porto, la Tate Modern di Londra, il Centre Pompidou di Parigi, ecc. ) e sono stati inclusi in biennali come quelle di Venezia e San Paolo, rispettivamente nel 1967 e 1968, o più recentemente a Documenta 14 tenutasi a Kassel nel 2017.

  • Centro Galego de Arte Contemporaneo
  • Santiago de Compostela
  • 23 luglio – 3 ottobre 2021
TOBIAS ZIELONY | THE FALL

TOBIAS ZIELONY | THE FALL

Con The Fall, il Museum Folkwang presenta la prima grande mostra panoramica del lavoro di Tobias Zielony. Zielony si colloca in un lungo filone della fotografia artistica. Il suo mondo visivo è visto come un apripista per una generazione più giovane. Pochi fotografi hanno osservato gli sviluppi della società e dei media con la stessa attenzione e li hanno tradotti in un linguaggio visivo contemporaneo. La più grande presentazione delle sue fotografie e opere video fino ad oggi offre una visione completa del lavoro di Zielony degli ultimi 20 anni.

  • Museum Folkwang
  • Museumsplatz 1, Essen
  • 25 giugno – 26 settembre 2021
Marina Abramovic | THAT SELF / OUR SELF

Marina Abramovic | THAT SELF / OUR SELF

La mostra alla Kunsthalle Tübingen, curata da Nicole Fritz in stretta collaborazione con Marina Abramović e il suo studio, si concentra su aspetti spirituali del lavoro dell'artista, seguendo il suo rito di passaggio, il suo viaggio verso il suo sé interiore.

  • Kunsthalle Tübingen
  • Philosophenweg 76, Tübingen, Germany

  • 24 luglio 2021 – 13 febbraio 2022
Marina Abramović | Talk with Hou Hanru


Marina Abramović | Talk with Hou Hanru


In occasione della mostra Più grande di me. Voci eroiche dalla ex-Jugoslavia, l’artista è protagonista di un talk in cui ripercorre la sua importante carriera e svela i retroscena e le tematiche principali della sua opera in mostra Rhythm 0, 1974.

  • Museo MAXXI
  • Via Guido Reni, 4a, Roma
  • 16 – 16 luglio 2021
Art Brussels WEEK

Art Brussels WEEK

La Galleria Lia Rumma è lieta di annunciare la sua partecipazione ad Art Brussels WEEK, in esclusiva su Artsy dal 1 giugno al 14 giugno. In occasione di Art Brussels WEEK 2021 condivideremo una selezione di opere che vuole essere un'ode alla natura in tutte le sue forme. La natura nella sua immensa varietà è stata oggetto e soggetto di riflessione e ispirazione nell'arte nel corso dei secoli. Con la nostra Viewing Room mostriamo le declinazioni contemporanee del tema che si rivela ancora una volta di raro fascino e mai banale. Artisti presenti: Marina Abramović, Vanessa Beecroft, Michele Guido, Clegg&Guttmann, Alfredo Jaar, William Kentridge, Hendrik Krawen, Marzia Migliora, Mocellin-Pellegrini, Luca Monterastelli, Haim Steinbach, Gian Maria Tosatti, Dré Wapenaar e Tobias Zielony.

  • 1 – 14 giugno 2021
Alfredo Jaar

Alfredo Jaar

Evento di alto livello sulla cultura e lo sviluppo sostenibile 2021. # Voices4Culture rafforza il legame tra il settore dell'arte e il settore delle politiche, per collaborare ad un obiettivo comune

  • Assemblea Generale delle Nazioni Unite
  • Evento web
  • 21 – 21 maggio 2021
Marina Abramović

Marina Abramović

La Galleria Lia Rumma è lieta di presentare, a partire da mercoledì 28 aprile, 2021, “The Communicator” (2012), e “Ecstasy II” (2012), un’installazione di otto sculture e un’opera fotografica di Marina Abramović, in Via della Spiga 31, a Milano. Le opere dell’artista serba si fanno simbolo di una trasformazione e della rivitalizzazione di spazi e luoghi svuotati. Sulla scia del progetto Viavài, e parallelamente all’iniziativa ATO Art Takes Over, i proprietari delle vetrine di una delle strade più importanti del Quadrilatero della Moda, ospitano esposizioni d’arte contemporanea, visibili ogni giorno e ad ogni ora, sottolineando la storia ricca di eventi di Via della Spiga e il suo legame con le arti. Le opere di Abramović dialogheranno così con le installazioni di Monica Bonvicini e Ariel Schlesinger, presentate da ATO Art Takes Over @art.takesover al civico 48, e con l’installazione di Nathalie Du Pasquier in Via della Spiga 52, presentata da VIA Visiting Installation Art @via.exhibit

  • Via della Spiga, 31 Milano
  • 28 aprile – 30 giugno 2021

Archivio News